IN GIAPPONE COI BAMBINI – PICCOLI ESPLORATORI ALLA SCOPERTA DEL MONDO

ATTENZIONE ⚠!! IL BLOG HA CAMBIAMENTO INDIRIZZO!! VI ASPETTO SUL NUOVO SITO:

http://www.ilprofumodeltatami.com

Recentemente mi hanno chiesto info per un viaggio qui coi bimbi, per ciò, sebbene non fosse fra le mie idee principali (chissà, forse sbagliando??) , ho deciso di fare questo post, per dare qualche indicazione magari utile o qualche spunto per altre idee.

Il Giappone è un paese baby/kids friendly, lo si vede bene già dalla facilità con cui si trovano aree per il cambio e allattamento, piuttosto che dai tantissimi ristoranti che offrono il menù bambino con regalino annesso.

Cose queste che – insieme alla presenza costante degli ascensori che lasciano ai binari nelle varie stazioni – ho apprezzato appena arrivata e continuo ad apprezzare sempre moltissimo. Il non dovermi caricare il passeggino in spalla per andare a prendere il treno, come accadeva sempre a Parigi, o il non dover pensare a che giro fare, come a Milano, per incrociare le uniche metropolitane dotate di ascensori, sperando anche fossero funzionanti, è una gran cosa, non c’è dubbio.

Per ciò, tornando a noi, se vi state preparando a visitare questo paese con dei piccoli esploratori, non abbiate alcun timore, i passeggini quí, in generale, sono ben accetti! Ciò non toglie che sia utile partire anche con un marsupio, o fascia baby wearing, per i più piccoli. Al riguardo infatti, tenete conto che visiterete senz’altro diversi templi, dove capita spesso d’imbattersi in scalinate. In alcuni posti comunque hanno un deposito passeggini all’ entrata.

Per i newborns, le baby room sono attrezzate anche di distributori di acqua calda per il biberon, oltre che ovviamente di fasciatoi, e stanze allattamento. A proposito di breastfeeding, quí non vedrete mai nessuno allattare a seno nudo, ci si copre sempre.

I prodotti per neonati, come pannolini , omogeneizzati e pappe varie, latte in polvere & Co NON li troverete mai nei konbini (konbini: Lawson, family mart, 7eleven), a parte forse in quelli aeroportuali o all’interno degli ospedali. Questi prodotti sono acquistabili nei grandi supermercati come “Aeon” oppure “Izumiya”, o nelle catene di negozi per bambini – Toysrus, Baby’s rus, Akachanhompo e Nishimatsuya – che vendono solo prodotti per l’infanzia.

Se venite in estate ricordatevi assolutamente qualcosa di leggero a manica lunga, perché lo sbalzo tra gli ambienti chiusi e l’esterno è davvero notevole a causa dell’aria condizionata usata veramente al massimo, Spesso sembra di essere in una cella frigorifera.

Ora arriva la parte divertente! Numerosi sono i playgrounds indoor e outdoor nelle varie città. Se ne trovano gratuiti, a pagamento, piccoli, grandi, belli, brutti… Insomma di ogni tipo! Pronti a prendere nota?

Una catena di playgrounds, che quindi non faticherete a trovare in diversi posti come Tokyo, Kobe e Osaka sicuramente, è “Kid o Kid” (a pagamento). Ha grossi spazi con giochi di vario tipo, dalle piscine di palline, strumenti musicali, pareti magnetiche ecc. A Kobe, nella zona di Harborland (zona Port Tower, esattamente davanti al centro commerciale UMIE, stazione JR “Kobe”) troverete anche il centro per l’infanzia “Kobekkoland“. Si tratta di un palazzo di oltre 5 piani, tutto dedicato ai bambini, anche lí giochi vari, la biblioteca per i piccoli, la stanza della musica con strumenti veri a disposizione dei bambini di ogni età, che si vogliono improvvisare musicisti con chitarre, pianoforte, tastiere, batteria, bonghi, maracas, triangolo, xilofono e molto altro, il tutto rigorosamente VERO!! In più, sempre quí, periodicamente si svolgono diversi laboratori, a partire dai 3 anni di etá in poi, come pittura, origami, cucina (c’è un vero laboratorio di cucina per piccoli) ecc. Questo spazio, oltre a essere ad ingresso gratuito, è aperto tutti i giorni mattina e pomeriggio. Sempre lí vicino, in fondo alla via, a ridosso del porto e sotto la ruota panoramica, il museo di Anpanman (presente anche a Yokohama), con tanto di piccolo centro commerciale dedicato a questo personaggio dei cartoon, molto amato dai bimbi giapponesi, mio figlio compreso. Sotto l’anno l’ingresso è gratuito, dopo di ché 1500¥ a testa indipendentemente dall’età per il museo pieno di spazi gioco, mentre per il mall l’ingresso è gratuito.

A Tokyo oltre al famosissimo Disneyland, potrete perdervi (sí, anche voi, perché i suoi meravigliosi film sono amati da tutti, grandi e piccini!) nell’affascinante mondo di Hayao Miyazaki, con una bella gita allo Studio Ghibli. Mi raccomando ricordatevi di prenotare con largo anticipo i vostri biglietti, dato che in loco non sono acquistabili e esauriscono in fretta. Altro posto dove i bambini dai 5/6 anni in sù potranno divertirsi in maniera attiva è Kidzania. Quí si tufferanno, attraverso il gioco, alla scoperta dei “lavori da grandi” diventando piloti, pompieri, maestre, poliziotti, dottori ecc per un giorno. Una visita interessantissima la merita anche il museo delle scienze marine – Fune no Kagakukan (ch’è poi anche il nome della stazione, esattamente sulla linea Yurikamome), a forma di nave gigante, sito ad Odaiba. Sempre in questa zona troverete una delle più grandi ruote panoramiche del mondo, il famoso Rainbow Bridge e la sua passeggiata da cui vedere una Tokyo spettacolare di sera, con una miriade di luci. Inoltre, lì ad Odaiba c’è il parco divertimenti al coperto più grande di tutto il Giappone, il Tokyo Joy polis. Per gli amanti dei giochi elettronici una tappa d’obbligo è il Sony Building di Ginza. Non dimenticate poi lo zoo del parco di Ueno, con tantissime specie animali e volendo, per qualche ora diversa dal solito e lontana dal mondo dell’animazione&co, in città trovate anche il Guinness Record Museum.

Invece Tama – Kawasaki è perfetta per gli amanti di Doraemon e Hello Kitty. Il primo è un museo con anche spazi gioco, raggiungibile con shuttle bus dalla stazione “Noborito” sulla Odakyu line, oppure JR Nanbu line. I biglietti d’ingresso sono acquistabili presso i konbini Lawson. Il secondo invece è raggiungibile in circa 30 minuti da Shinjuku. Per ogni dettaglio guardate i siti linkati.

Un altro bel giro può essere Nikko. Quí potrete fare un tuffo nel passato, alla scoperta della storia giapponese, esattamente nel periodo Edo (1603-1868, anche noto come era Tokugawa) , col parco tematico e didattico Edo Wonderland Nikko Edo mura. Curiosi di vedere come si viveva all’epoca o saperne di più sui ninja? Ecco il posto giusto!

A Osaka vi cito un altro mega parco divertimenti, gli Universal studios Japan anche se tenete presente che non sono affatto economici… Purtroppo aggiungo! I bambini cominciano a pagare dai 4 anni e per loro l’ingresso costa circa 5000¥…inutile dirvi che per gli adulti è ben più alto. Troppo dispendioso? Allora potete optare per l’acquario, uno dei più belli del Giappone, o il museo della scienza – Osaka Shiritsu Kagakukan pensato e progettato apposta per i bambini, sull’isola di Nakanoshima, su 4 piani e interattivo!

Che dire… Mi sembra ne abbiate per tutti i gusti, no??! Ovviamente ci sono anche altre cose, ma non finirei più di scrivere.. E poi.. Godetevi anche un po’ di Giappone tradizionale, perdetevi nel labirinto di questo paese e fra le strade più zen di Kyoto.

Buon viaggio e a presto!

Seguitemi anche sulla pagina Facebook Il profumo del tatami

Annunci

Un pensiero su “IN GIAPPONE COI BAMBINI – PICCOLI ESPLORATORI ALLA SCOPERTA DEL MONDO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...